Come riconoscere l’intelligenza emotiva

come riconoscere l'intelligenza emotiva

Come riconoscere l’intelligenza emotiva è stata la domanda che mi hanno posto in tanti dopo aver letto Intelligenza Emotiva: soft skill chiave su questo blog.

I responsabili delle risorse umane di aziende di tutto il mondo hanno convenuto che un’abilità fondamentale per il successo sul posto di lavoro è il possedere intelligenza emotiva.

Nei diversi percorsi di career coaching che seguo è uno degli aspetti che cerco di individuare e soppesare, lo faccio anche perché secondo gli esperti, l’intelligenza emotiva (EQ) è diventata un importante predittore del successo sul lavoro, superando in molti casi le capacità tecniche e persino un QI elevato. 

L’intelligenza emotiva rimane un argomento piuttosto ampio, con numerose definizioni e applicazioni; ma, ciò nonostante è importante essere in grado di riconoscere i comportamenti chiave che indicano un QE elevato.

Riconoscere l’Intelligenza emotiva attraverso l’osservazione e l’analisi

Durante le sessioni di career coaching cerco di fare emergere alcuni atteggiamenti.

Osservare ed analizzare questi aspetti è utile per individuare la presenza di intelligenza emotiva nel nostro interlocutore.

Vi riporto di seguito i principali punti in modo da essere utili nella vita professionale quotidiana, con particolare attenzione al contesto teamwork, ovvero, una visione dell’intelligenza emotiva calata nelle dinimiche dei gruppi.

Trasparenza: primo indicatore dell’intelligenza emotiva

Quando valuti le potenziali assunzioni, cerca persone che siano autentiche, persone che si mostrino con il loro vero io. 

Può esserci una tendenza tra dipendenti e dirigenti a nascondersi, ritirarsi, ostruire o indossare una maschera in situazioni difficili. 

E quella maschera nasconde chi sono veramente. 

Nei team che funzionano bene si trovano sempre persone che tengono conversazioni ed hanno interazioni che rivelano una gamma completa di emozioni, sia durante i momenti buoni che in quelli cattivi. Si presentano con integrità, onestà emotiva, apertura al feedback e consapevolezza non solo dei loro sentimenti ma anche di coloro con cui stanno collaborando.

Flessibilità, un aspetto caratterizzante dell’intelligenza emotiva

Le priorità cambiano in quasi ogni azienda e lavoro. 

Coloro che sono disposti a seguire il flusso durante una transizione sono le persone che vuoi in una squadra.

Hanno la flessibilità per affrontare situazioni incerte e imprevedibili, un segno distintivo del vero equalizzatore.

Resilienza, la chiave.

Vuoi anche stare con persone con menti resilienti. 

Si occupano del fatto (ciò che è vero) e del qui e ora, e lasciano i fantasmi del loro passato nel passato. 

Le persone più resilienti si riprendono dalle brutte situazioni dicendo di no a chiunque interferisca con i loro obiettivi e programmi, e soprattutto i loro valori e convinzioni. 

Le persone resilienti hanno confini chiari; non si lasciano sentire in colpa per cose che non hanno nulla a che fare con loro. Sanno di non essere responsabili delle azioni e dei drammi degli altri e non si flagellano mai per qualcosa che qualcun altro ha fatto.

Controllo di se.

Quando formi gruppi di lavoro, cerca persone che gestiscano bene le loro emozioni. 

Questa forza rientra nell’autogestione (o autoregolazione) nell’intelligenza emotiva e si trova nella maggior parte dei team ad alte prestazioni. 

La domanda alla base dell’autogestione è facile da capire e più difficile da eseguire: una persona può dirigere le proprie emozioni e il proprio comportamento per produrre risultati positivi?

Le persone che mantengono il controllo sulle proprie emozioni aiutano a promuovere connessioni sicure, eque e affidabili. Nelle impostazioni del team non servono eccessi e melodrammi per ottenere cose, serve un alto contenuto di produttività. 

I migliori artisti si riversano in organizzazioni note per coltivare questo tipo di ambienti e raramente li abbandonano.

Empatia

Le persone sono attratte da coloro che possiedono e praticano l’empatia. 

Un team in cui gli individui mostrano empatia l’uno verso l’altro beneficia di forti relazioni personali e collaborazione.

I membri del team pensano alle circostanze dei loro colleghi, comprendono le loro sfide e frustrazioni e capiscono che le loro emozioni sono reali quanto le loro. 

Questo aiuta a sviluppare la prospettiva e rende i membri del team aperti ad aiutarsi a vicenda.

Condividi:

LinkedIn
Facebook
Twitter
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La prestazione è partecipazione
Un testo indispensabile per la gestione delle risorse umane
Manuale per il colloquio di selezione
Un volume irrinunciabile per candidati e recruiters in formazione

I più letti

Cerchiamo Talenti

SommarioRicerca e Selezione di Personale qualificato:attrarre e trattenere persone motivate e competenti è essenziale per il successo di ogni azienda.Oggi assume un valore strategico la

Leggi l'articolo »

Consulenza

SommarioCosa significa Consulenza?Qual è il bene più importante che va organizzato?Questo è ciò in cui crediamo: consulenza come una risorsa che si aggiunge temporaneamente al team aziendale e

Leggi l'articolo »

Consulenza Aziendale

La consulenza aziendale Risolta: prima che un grande intervento è un intervento davvero grande! Risolta è in grado di eseguire interventi qualitativamente comparabili a quelli

Leggi l'articolo »

Categorie