fbpx

Guida al Metodo STAR nei Colloqui di Lavoro

metodo STAR

Il Metodo STAR nei Colloqui di Lavoro: Una Guida Pratica per Valutare le Soft Skills

Il mondo del lavoro è un universo in continua evoluzione, e per navigarlo con successo, è necessario essere equipaggiati con le giuste strategie. Una di queste è il metodo STAR, un acronimo che sta per Situation (Situazione), Task (Compito), Action (Azione), Result (Risultato). Questo metodo è uno strumento straordinario per affrontare con successo i colloqui di lavoro, permettendo di presentare le proprie esperienze professionali in modo chiaro, dettagliato e convincente.

Dedico sempre spazio a questo tema quando opero come career coach perché, se assimilato bene, è un’arma vincente in ogni colloquio di lavoro.

Cos’è il Metodo STAR?

Il metodo STAR è un modello di risposta utilizzato durante i colloqui di lavoro per rispondere a domande comportamentali. Questo metodo consente di raccontare una storia strutturata attorno a una situazione specifica, il compito da svolgere, le azioni intraprese per affrontare la situazione e i risultati ottenuti.

Situazione (Situation)

La prima fase del metodo STAR riguarda la descrizione della situazione o del contesto in cui ti sei trovato. Questa parte dovrebbe fornire dettagli sufficienti per il tuo interlocutore per comprendere il contesto in cui ti sei trovato. Potrebbe essere un problema che hai dovuto affrontare in un precedente lavoro, una sfida che hai dovuto superare, o un obiettivo che ti sei prefissato.

Compito (Task)

Il secondo elemento del metodo STAR è il compito. In questa fase, dovresti descrivere l’obiettivo che ti sei prefissato o il problema che dovevi risolvere. Questo dovrebbe dare un’idea chiara del tuo ruolo nella situazione e delle responsabilità che avevi.

Azione (Action)

La terza fase del metodo STAR riguarda le azioni che hai intrapreso per affrontare la situazione o il compito. Qui, dovresti essere specifico e dettagliato, mettendo in luce le tue competenze e le strategie che hai utilizzato. Questa è la tua occasione per mostrare come hai affrontato la sfida e come hai lavorato per raggiungere il tuo obiettivo.

Risultato (Result)

L’ultimo elemento del metodo STAR è il risultato. In questa fase, dovresti descrivere l’outcome delle tue azioni, mettendo in evidenza i successi e i risultati che hai raggiunto. Questo è il momento di mostrare come le tue azioni hanno portato a un risultato positivo e di cosa hai imparato dall’esperienza.

La tecnica STAR è simile alla tecnica SOARA (Situation, Objective, Action, Result, Aftermath) e viene spesso completata con un ulteriore R alla fine STARR o STAR(R) con l’ultimo R che rappresenta la riflessione. Questo R mira a raccogliere informazioni sulla capacità dell’intervistato di apprendere e iterare.

Il Metodo STAR e la Valutazione delle Soft Skills

Il metodo STAR è particolarmente efficace per valutare le soft skills, quelle competenze trasversali che non riguardano direttamente il mestiere o la professione, ma che sono fondamentali nel mondo del lavoro. Queste includono la capacità di problem-solving, la leadership, la gestione del tempo, la capacità di lavorare in team e sotto pressione.

In qualità di recruiter professionista e coach di carriera, utilizzo il metodo STAR nelle mie sessioni di coaching per aiutare i candidati a prepararsi per i colloqui di lavoro. Questo metodo permette di valutare e verificare le soft skills dei candidati, mostrando come hanno affrontato situazioni reali nel passato.

Quando ad un colloquio si dichiara di possedere una soft skill importante, forse fondamentale per ottenere il lavoro, è bene aspettarsi che il vostro interlocutore chieda conto. Tipicamente, che sia preparato sul metodo STAR o meno, vi chiederà di portare un esempio. Siate preparati!

Esempio Pratico: Dimostrare l’Affidabilità con il Metodo STAR

Per illustrare come il metodo STAR può essere utilizzato per dimostrare una soft skill come l’affidabilità, consideriamo un esempio pratico.

Situazione (Situation): “Durante il mio precedente impiego in una società di consulenza, mi è stato assegnato un progetto molto importante con una scadenza stretta. Il cliente era molto esigente e il progetto richiedeva un alto livello di precisione.”

Compito (Task): “Il mio compito era di gestire il progetto, coordinare il team e assicurarmi che il lavoro fosse completato in tempo e secondo le specifiche del cliente.”

Azione (Action): “Ho organizzato un piano dettagliato, assegnato compiti specifici ai membri del team e monitorato attentamente i progressi. Ho mantenuto una comunicazione costante con il cliente per assicurarmi che fossimo sulla stessa lunghezza d’onda.”

Risultato (Result): “Nonostante la pressione, siamo riusciti a completare il progetto in tempo e il cliente è stato molto soddisfatto del risultato. Questa esperienza ha dimostrato la mia affidabilità e la mia capacità di gestire progetti complessi sotto pressione.”

Conclusione

Il metodo STAR è uno strumento potente per affrontare con successo i colloqui di lavoro. Fornisce una struttura che ti aiuta a presentare le tue esperienze professionali in modo chiaro e convincente, mettendo in luce le tue competenze e le tue realizzazioni. Ricorda, la chiave per un buon utilizzo del metodo STAR è la preparazione: prima del colloquio, pensa a diverse situazioni in cui hai utilizzato le competenze richieste per il ruolo per cui stai facendo domanda e prepara le tue risposte seguendo la struttura del metodo STAR.

Condividi:

LinkedIn
Facebook
Twitter

Lascia un commento