fbpx

Strategie per la Ricerca di Lavoro nel 2024: Una Guida Completa

strategie per la ricerca di lavoro

Perché servono Strategie per la ricerca del lavoro?

Nel mondo del lavoro in rapida evoluzione, la ricerca di un’occupazione può apparire come una maratona piena di incertezze. Come Career Coach, ho sempre avuto a cuore il percorso di ogni singolo individuo che si affida ai miei servizi, indipendentemente dal fatto che abbiano optato per un pacchetto completo o semplicemente per una revisione del curriculum. La mia esperienza si estende oltre i confini della sola consulenza, affondando le radici nelle mie interazioni con candidati di varie aziende clienti, sia durante i processi di selezione che successivamente, quando molti di loro mi hanno contattato per confrontarsi e ricevere supporto.

Questa prospettiva unica mi ha permesso di raccogliere e analizzare dati significativi sul mercato del lavoro, un campo dove spesso si naviga a vista. Il mio articolo che segue svela alcune delle principali tendenze e strategie per una ricerca di lavoro di successo. Analizzando le esperienze di circa 500 contatti – clienti e non – che hanno attivamente cercato lavoro nel 2023, esploro le dinamiche tra la presentazione delle candidature e l’ottenimento di un colloquio, fino alla proposta di lavoro.

I tre punti chiave che emergeranno da questa analisi includono: il numero medio di domande di lavoro necessarie per ottenere un colloquio nel 2023, quanti colloqui sono stati necessari per ricevere un’offerta l’anno scorso, e le strategie più efficaci per la ricerca di lavoro nel 2024. Attraverso questa introspezione, miriamo a trasformare il processo di ricerca di lavoro, spesso percepito come una scatola nera, in un percorso più chiaro e navigabile. Le informazioni raccolte offrono preziosi spunti per affinare la vostra strategia di ricerca di lavoro, aiutandovi a concentrarvi sui momenti migliori per candidarvi e sulle tecniche più efficaci, avvicinandovi così al lavoro dei vostri sogni nel 2024.

Dinamiche in evoluzione nella ricerca di lavoro nel 2023

È indubbio che il panorama lavorativo abbia assunto una maggiore complessità e competitività nell’ultimo anno. L’evoluzione tecnologica e le fluttuazioni economiche, che hanno causato licenziamenti e dimissioni, hanno portato un’ondata di candidati altamente qualificati a inserirsi nel mercato del lavoro, intensificando così la competizione. Questi sviluppi, combinati con il movimento verso politiche incentrate sul “ritorno al lavoro”, hanno reso la ricerca e l’acquisizione di un impiego più ardue e protratte rispetto al passato.

Tuttavia, come accade in molte circostanze sfidanti, esistono sempre diverse prospettive: sebbene la ricerca di lavoro nel 2023 si sia rivelata ardua, vi era – e continua ad esserci – motivo di speranza. Esistono opportunità significative per trovare occupazione, oltre alla possibilità di prosperare e crescere nel proprio percorso professionale, testimoniando così che anche nei periodi più turbolenti, si possono scoprire percorsi fruttuosi verso il successo lavorativo.

Come si disegna la linea temporale di una ricerca di lavoro di successo nel 2023

Le informazioni che seguono traggono origine dall’analisi di oltre 500 individui che hanno attivamente intrapreso la ricerca di lavoro. È fondamentale sottolineare che i dati presentati non rappresentano una visione completa dello stato generale del mercato del lavoro, ma piuttosto forniscono una panoramica dettagliata di un gruppo specifico di membri e dei sottogruppi al suo interno. Questo studio si concentra su coloro che hanno diligentemente registrato (oppure l’ho fatto io per loro seguendoli nel percorso) i loro progressi nella ricerca di lavoro dal 1° gennaio al 20 dicembre 2023. Questi dati sono parte di un impegno costante per analizzare, comprendere e delineare chiaramente le tendenze del mercato del lavoro, con l’intento di affinare ulteriormente il nostro approccio e pubblicare aggiornamenti regolari e approfonditi.

 È importante riconoscere che per coloro che operano in settori o industrie particolarmente colpiti da licenziamenti di massa o da altri fattori significativi, le prospettive e le statistiche potrebbero differire rispetto a quelle presentate, e lo stesso vale, in misura maggiore, in funzione del ruolo. Questo non implica necessariamente che ci sia un errore nelle vostre strategie o azioni. Tuttavia, comprendere questi dati e tempi è cruciale, poiché offrono un’istantanea di cosa stia funzionando per altri individui. Anche in un mercato del lavoro difficile o instabile, questa comprensione può essere un prezioso alleato nella guida e nel miglioramento della vostra strategia di ricerca di lavoro.

Quanto dura la ricerca di un lavoro?

La domanda che si pone la maggior parte delle persone che si confrontano col mercato del lavoro (per scelta o per circostanze) è spesso: “Quanto tempo ci vorrà effettivamente?”.

I dati della mia indagine mostrano un aumento costante del tempo necessario per ottenere una proposta di contratto nel 2023 rispetto agli anni precedenti. La maggior parte dei contatti ha avuto ricerche di lavoro che sono durate tra i 24 e 136 giorni.

Nel 2023, la durata mediana dalla prima candidatura alla prima proposta è stata di circa 57 giorni.

giorni per offerta

Quanto tempo ci vuole per ricevere una risposta dopo aver fatto domanda di lavoro?

Conoscere i tempi di risposta standard per le domande di lavoro può aiutarvi a decidere quando dare un seguito, quando aspettarvi una risposta e quando passare alla prossima opportunità. Pensate a questo come a un modo per gestire le vostre aspettative, senza fissarvi troppo su un solo candidato.

La maggior parte degli appartenenti al mio panel che hanno ottenuto colloqui nel 2023 ha ricevuto una risposta entro 4-21 giorni dalla candidatura.

giorni per una risposta

Ma questi numeri non significano altro che può essere utile seguire una linea guida generale: per dare seguito a qualsiasi candidatura è una buona cosa quella di contattare i selezionatori o i responsabili delle assunzioni una volta alla settimana per tre settimane prima di chiudere il cerchio di una specifica candidatura.

Quante candidature servono per ottenere un colloquio?

Non ricevere un riscontro immediato sulle candidature può essere frustrante, ma è anche una parte inevitabile del processo di ricerca del lavoro. La verità è che non esiste una risposta univoca, in quanto fattori come il settore, il livello lavorativo e l’esperienza personale giocano un ruolo importante. Ma ogni candidatura è un passo nella giusta direzione.

Nel 2023, erano necessarie almeno 8 candidature strategiche e mirate per ottenere un colloquio.

Capire questo dato può aiutarvi a creare un piano di ricerca del lavoro, a organizzare la vostra giornata e a gestire realisticamente le vostre aspettative. Questa conoscenza vi permette anche di allocare il vostro tempo e le vostre risorse in modo efficace, evitando il burnout e mantenendovi motivati. Si tratta di trovare un equilibrio tra la perseveranza nelle candidature e lo spazio per respirare.

Quante candidature servono per ottenere un’offerta di lavoro?

L’obiettivo di ogni candidatura presentata è chiaro: ottenere un colloquio. E nel 2023 la pazienza e la perseveranza sono state una parte importante del processo.

Per i componenti del panel, tra coloro che hanno ricevuto una proposta, ci sono volute 18 candidature curate e intenzionali per ricevere un’offerta.

Utilizzare 18 o 20 candidature come parametro di riferimento è un indicatore realistico per i vostri sforzi. Suggerisce che, sebbene la ricerca di lavoro sia raramente un processo rapido, le candidature coerenti e mirate aumentano le possibilità di successo. Questo numero vi aiuta anche a calibrare la vostra ricerca, ricordandovi che si tratta di uno sforzo più prolungato che di una rapida esplosione.

Quanti colloqui servono per ottenere un’offerta di lavoro?

Se l’obiettivo di ogni candidatura è ottenere un colloquio, l’obiettivo di ogni colloquio è ottenere un’offerta di lavoro. Ma il successo in questi colloqui dipende dalla preparazione, dalla capacità di adattamento e da una chiara comprensione del ruolo e dell’azienda.

Nel 2023, una persona in cerca di lavoro avrebbe dovuto sostenere fino a 6 colloqui di primo livello per ricevere un’offerta.

Cosa significa questo?

Significa che di solito non è sufficiente un solo colloquio per ottenere un lavoro. Potrebbe essere necessario superare diversi primi colloqui prima di ricevere un’offerta. Questo non riflette necessariamente le vostre capacità o la vostra idoneità; è solo il modo in cui opera il mercato.

C’è una stagionalità nella ricerca di lavoro?

La durata della ricerca di lavoro e le percentuali di successo variano a seconda dei trimestri e dei mesi dell’anno.

Ad esempio, le ricerche di lavoro iniziate in alcuni trimestri (come il quarto) durano di più, potenzialmente a causa delle festività che influenzano i processi di assunzione.

I comportamenti specifici nella ricerca di lavoro influiscono sul successo?

Il numero di annunci che i membri del panel hanno inserito nei preferiti e a cui hanno inviato la candidatura mostra una tendenza all’aumento delle candidature nel tempo. Questo non significa necessariamente che sia necessario avere più candidature per ottenere un’offerta, ma i dati hanno mostrato che coloro che hanno ricevuto offerte si sono candidati a un maggior numero di annunci.

Questi stessi membri hanno salvato in genere circa 50 offerte di lavoro da varie bacheche online o da altri luoghi e si sono candidati a un sottoinsieme più ristretto di 24 offerte, il che indica un approccio strategico e più mirato.

5 strategie per la ricerca di lavoro nel 2024

Se nella vostra ricerca di lavoro non avete riscontrato il livello di efficacia di cui sopra, non significa che stiate sbagliando (soprattutto considerando gli inevitabili fattori esterni), ma ci sono anche modi per navigare nella ricerca di lavoro nel 2024 con un approccio basato sui dati per il potenziamento della carriera.

Come?

Osservando gli schemi e le tendenze di chi ha avuto successo nella ricerca di lavoro e comprendendo quali sono le strategie che hanno portato alle offerte, potete posizionarvi meglio per essere assunti.

Strategia 1: capire la tempistica della ricerca di lavoro

Sia che stiate cercando il vostro prossimo lavoro mentre siete già occupati, che stiate affrontando la disoccupazione o che stiate pensando di trasferirvi nel nuovo anno, capire le tempistiche della ricerca di lavoro può prepararvi a ciò che vi aspetta.

Detto questo, la tempistica potrebbe essere diversa a seconda del settore o della professione. Se foste tornitori esperti, potrebbe essere facile trovare un lavoro. Se invece foste un reclutatore nel settore tecnologico, i tempi potrebbero essere più lunghi.

La durata mediana di 57 giorni dal primo annuncio di lavoro inserito tra i preferiti alla ricezione di una prima offerta suggerisce che dovreste essere preparati a un processo che si estende per più di un mese. È importante gestire le aspettative e pianificare di conseguenza.

Strategia 2: sfruttare la stagionalità

Il momento migliore per candidarsi è quello in cui si rendono disponibili le offerte di lavoro (a patto che le vostre competenze siano in linea con quelle ricercate da un potenziale datore di lavoro).

Detto questo, i dati indicano che iniziare una ricerca di lavoro in alcuni mesi (come giugno, ottobre e novembre) può portare a una durata maggiore della ricerca (probabilmente a causa delle vacanze e dei fattori stagionali).

Al contrario, iniziare in altri periodi dell’anno può portare a risultati più rapidi. La comprensione di queste tendenze stagionali può essere utile per pianificare i tempi della ricerca di lavoro, se si parte da una posizione di preparazione.

Pensate a voi stessi (e alle vostre competenze e qualifiche) come a un’azienda. Se potete approfittare della stagionalità, dedicate del tempo a creare un piano, a considerare gli obiettivi specifici e i requisiti per il lavoro dei vostri sogni, a decidere come commercializzarvi e ad affinare il vostro marchio personale.

Strategia 3: gettate un’ampia rete di ricerca, ma candidatevi in modo strategico

Un approccio strategico alle domande di lavoro consiste nel candidarsi a diverse posizioni, assicurandosi che siano ben allineate con le proprie competenze ed esperienze. In un certo senso si tratta di un gioco di numeri, ma la qualità e la pertinenza delle vostre candidature sono importanti.

La tendenza a selezionare circa 50 offerte di lavoro, poi a restringere il numero e a candidarsi a 24 suggerisce un restringimento delle opzioni e la candidatura a lavori con una maggiore probabilità di successo. Questo approccio mirato è più efficiente che premere “Candidati subito” centinaia di volte e sperare di ricevere una risposta da un’azienda a cui si è minimamente interessati.

Per candidarsi in modo strategico:

  • Assicuratevi che le vostre competenze ed esperienze siano in linea: prima di candidarvi, leggete attentamente i requisiti della posizione per determinare se le vostre competenze ed esperienze sono in linea con ciò che il responsabile delle assunzioni sta cercando.
  • Ricercare l’azienda: Fate una ricerca sull’azienda per capirne la cultura e i valori. Chiedetevi: “Ciò che rappresenta è in linea con i miei obiettivi professionali e con ciò che è importante per me?
  • Personalizzate il vostro curriculum per ogni candidatura: Piuttosto che presentare lo stesso curriculum per ogni ruolo, personalizzatelo per evidenziare le competenze e le esperienze più rilevanti per ogni lavoro, utilizzando parole chiave e il linguaggio della descrizione del lavoro.
  • Scrivete lettere di presentazione persuasive: Se la candidatura prevede una lettera di presentazione, non saltate questo passaggio. Utilizzate esempi di lettere di presentazione come ispirazione per scrivere un documento personalizzato che illustri come il vostro background vi renda un buon candidato per questo ruolo specifico e per questa azienda.

Strategia 4: prepararsi ai colloqui

In questo panel, quelli che hanno ricevuto offerte nel 2023 hanno affrontato fino ad otto colloqui di primo livello. Questo indica che prepararsi accuratamente a questi colloqui è essenziale per convertire i colloqui in posti di lavoro.

Quindi, come potete prepararvi e affinare le vostre abilità nei colloqui?

1. Capire come il vostro curriculum si collega all’azienda e al ruolo:

Ricercate la cultura aziendale, la missione, i valori e qualsiasi notizia recente.

Comprendete il ruolo specifico per cui vi state candidando, come si inserisce all’interno dell’azienda e come si allinea il vostro curriculum.

Suggerimento: Trovate un equilibrio tra una ricerca dettagliata e un sovraccarico di informazioni. Concentratevi sugli aspetti chiave che riguardano direttamente il vostro ruolo potenziale e i vostri contributi.

2. Esercitatevi a rispondere a domande comuni e specifiche per il ruolo:

Preparatevi a domande standard come “Mi parli di lei” o “Perché vuole questo lavoro?”.

Anticipate le domande specifiche del ruolo in base alla descrizione del lavoro. (Evitate di chiedere a uno strumento di intelligenza artificiale come Google Bard o ChatGPT le domande di candidatura basate sull’annuncio di lavoro: può dare una indicazione, ma nel 90% dei casi vi porta a concentrarvi su punti irrilevanti).

Suggerimento: Non provate troppo. In questo modo le vostre risposte possono sembrare scritte. Esercitatevi invece a sembrare naturali e sinceri.

3. Sviluppate risposte STAR:

Utilizzate il metodo STAR (Situazione, Compito, Azione, Risultato) per strutturare le risposte alle domande del colloquio.

Preparate degli esempi tratti dalle vostre esperienze passate che dimostrino le vostre capacità e i vostri risultati.

Suggerimento: può essere difficile scegliere gli esempi giusti. Scegliete una serie di scenari che mostrino al meglio le competenze e i risultati positivi.

4. Svolgete dei colloqui di prova:

Chiedete a un amico, a un mentore o a un career coach di aiutarvi a organizzare un finto colloquio.

Un finto colloquio simula l’ambiente reale, consentendovi di affinare le risposte, migliorare le vostre capacità comunicative e adattare la vostra presentazione generale prima di affrontare il responsabile delle assunzioni o il potenziale datore di lavoro.

Un consiglio: Scegliete una persona disposta a fornire critiche costruttive attraverso un feedback onesto e utile. E’ ovvio, ma anche profondamente vero, che un career coach esperto, se ha esperienza forte in selezione del personale, vi darà una marcia in più.

5. Preparate le domande da porre all’intervistatore:

Porre domande pertinenti dimostra il vostro interesse per il ruolo e l’azienda.

Se potete, cercate di incorporare parti del colloquio nelle vostre domande. In questo modo dimostrate di apprezzare la conversazione e di ascoltare.

Suggerimento: Lasciate le domande generiche a qualcun altro. Preparate domande uniche che dimostrino la vostra comprensione del ruolo e delle sfide o degli obiettivi dell’azienda.

6. Pianificate la logistica:

Per i colloqui di persona, conoscete il luogo, il percorso e il tempo di viaggio.

Per i colloqui virtuali, verificate in anticipo la configurazione tecnologica.

Suggerimento: I problemi tecnici durante i colloqui virtuali possono capitare. Testate l’attrezzatura e prevedete sempre un piano di riserva.

Strategia 5: apprendimento continuo e sviluppo delle competenze

Nel 2023, l’aumento del tempo necessario per trovare un lavoro ha evidenziato l’importanza di rimanere aggiornati e competitivi. I progressi tecnologici e le richieste del settore cambiano rapidamente; quindi, è fondamentale incorporare l’apprendimento continuo e lo sviluppo delle competenze nella vostra strategia di ricerca di lavoro per il 2024. Ecco come fare:

  • Identificate le competenze più richieste nel vostro settore e aggiornatele continuamente per rimanere competitivi.
  • Seguite regolarmente corsi online sulle piattaforme per migliorare le vostre competenze.
  • Partecipate a workshop e webinar specifici del settore per avere opportunità di apprendimento (e di networking!).
  • Rimanete informati e perseguite certificazioni o qualifiche pertinenti che aumentino la vostra commerciabilità.
  • Riflettete regolarmente e modificate i vostri obiettivi di apprendimento e sviluppo professionale per allinearvi ai percorsi di carriera in evoluzione e alle tendenze del settore.

Il vostro percorso nel 2024

Nel 2024 è fondamentale adottare un approccio informato e strategico alla ricerca di lavoro.

Il mercato del lavoro, influenzato dai progressi tecnologici e dalle fluttuazioni economiche, è diventato sempre più competitivo e questo richiede che siate ben preparati, adattabili e informati sulle sfumature del processo di ricerca del lavoro.

Nel 2024 non si tratta di trovare un lavoro qualsiasi, ma di trovare opportunità che vi entusiasmino e che siano in linea con i vostri obiettivi di carriera e di crescita personale.

Utilizzate il blog di Risolta come bussola per essere proattivi, rimanere informati e affrontare ogni fase della ricerca di lavoro con fiducia e intento strategico.

Ricordate che, anche quando vi sentite bloccati, ogni candidatura, ogni colloquio e ogni giorno di preparazione vi avvicina al lavoro che amate nel 2024.

Condividi:

LinkedIn
Facebook
Twitter

Lascia un commento